L'otite media è uno dei problemi più comuni nei bambini piccoli. Secondo alcune statistiche pediatriche è la seconda patologia più frequente nei bambini in età prescolare dopo la comune influenza.

Si manifesta in circa il 50% dei bambini entro il primo anno di vita e questa percentuale sale al 70% entro i 3 anni. All'incirca un terzo dei bambini soffre di sei o più episodi di otite prima di iniziare la scuola e si è stimato che alcuni di loro, in un anno, possano avere fino a 12 episodi di otite media. I fattori di rischio che predispongono il bambino ad avere otiti frequenti sono parti traumatici o complicati (un travaglio prolungato o l'uso del forcipe o della ventosa), introduzione precoce delle pappe, allergie, infezioni respiratorie e malnutrizione.

In sostanza l'otite media è un eccessivo accumulo di fluido nel comparto medio dell'orecchio e spesso l'otite può essere asintomatica e notata solo durante controlli pediatrici di routine, ma nella forma acuta solitamente presenta sintomi come dolenzia locale, febbre, vomito, irritabilità e diminuzione dell'udito. Tendenzialmente l'otite media viene trattata con antibiotici, antistaminici, o nei casi più semplici gestendo febbre e congestioni nasali. Purtroppo molti studi attestano un'efficacia parziale di queste terapie e i bambini continuano ad avere una facile predisposizione a nuovi episodi. Infatti, il motivo per cui i bimbi sono così facilmente soggetti alle otiti rispetto agli adulti è legato ad una conformazione diversa della tromba di Eustachio. La tromba di Eustachio è semplicemente un canale che collega l'orecchio medio alla gola e, se occluso o compresso, i fluidi non riescono ad essere drenati dall'orecchio medio e quindi si verifica un aumento della pressione esercitata da questi all'interno dell'orecchio. A volte questo fluido accumulato può essere soggetto ad agenti patogeni batterici per cui l'uso di antibiotici è raccomandato, ma se l'accumulo di fluido non viene aiutato a drenare, può tornare ad essere soggetto a nuove infezioni.

Ci sono svariati studi che indicano che la chiropratica aiuta in modo naturale ed efficace l'otite media senza effetti collaterali. Il chiropratico può aiutare la tromba di Eustachio a drenare i fluidi accumulati in eccesso nell'orecchio medio tramite aggiustamenti specifici cervicali, lavorando dolcemente sul cranio e sulla mandibola. Questi trattamenti diminuiscono la tensione sui tessuti che comprimono la tromba di Eustachio e facilitano il drenaggio linfatico. La terapia è ben tollerata dai bambini che solitamente manifestano miglioramenti già nei primi giorni. Alcuni studi documentano anche una minore predisposizione a nuovi episodi di otite media.

Come chiropratico posso solo consigliare ai genitori di portare i bambini dal loro chiropratico per controlli regolari che monitorino le varie fasi della crescita e la salute dei loro figli. In caso di episodi di otite media, soprattutto se ricorrenti, può essere decisamente utile consultare il vostro chiropratico il prima possibile, anche durante la fase acuta.

Scritto da: Dr.ssa Arianna Dordoni, Mchiro

Tutti gli articoli