Come cambia e perchè andare dal chiropratico

I cambiamenti fisiologici e meccanici nel corpo di una donna gravida sono assolutamente normali e per lo più necessari per accomodare al meglio l’embrione e il susseguirsi sviluppo del feto.

In questo articolo analizzeremo i cambiamenti meccanici e accenneremo brevemente a quelli fisiologici per avere un quadro generale più accurato.

La postura di una donna incinta cambia moltissimo durante i 9 mesi di dolce attesa e, ovviamente, più lo stato di gravidanza progredisce, più i cambiamenti diventano visibili e importanti.

Con l’accrescersi dell’utero (della pancia, tanto per intenderci!) il bacino tende naturalmente ad inclinarsi verso l’avanti portando il sacro ed il coccige all’indietro. Ciò comporta un inarcamento della zona lombare (iperlordosi) ed un incremento dell’arco toracico (ipercifosi) in modo tale da mantenere un giusto equilibrio delle parti. Le ricerche dimostrano che l’angolo della lordosi lombare può addirittura variare da 32 gradi, quando la dimensione fetale è pari a 0%, fino a 50 gradi quando la massa del feto è al 100%.

Inoltre le spalle e la testa si spostano verso l’avanti ed il peso della cassa toracica collassa verso il basso dovuto al peso dei seni ormai più grossi oltre al peso della pancia stessa.

Tutti questi cambiamenti aumentano notevolmente la naturale curvatura ad “S“ della nostra colonna vertebrale sottoponendo le vertebre ad un maggiore stress meccanico. Ovviamente tutti i muscoli e legamenti, ancorati anch’essi alla colonna vertebrale, ne risentono e possono più facilmente essere danneggiati.

Per quanto riguarda la parte bassa del corpo, più il peso si sposta verso l’avanti più le ginocchia tendono ad andare verso l’indietro ed il peso totale della persona si sposta sulle punte dei piedi.

In poche parole, tutto l’assetto posturale si sposta di qualche grado verso l’avanti, aumentando così anche il rischio potenziale di cadute del 27 per cento. Le ricerche dimostrano che il 64% della cadute accadono nel secondo trimestre, quando la donna non si è ancora adattata perfettamente a tutti questi cambiamenti gravitazionali. Il solo processo dello stare in posizione eretta, infatti, non è un processo statico ma una continua ondulazione, da noi impercettibile, avanti e indietro, chiamato propriocezione. E se in tempi normali, in un individuo sano, dovremmo avere il peso corporeo che ricade perfettamente sui malleoli in modo da essere perfettamente centrati, in gravidanza ciò non accade perché il nostro peso è automaticamente spostato in avanti e quindi richiediamo un maggior sforzo di propriocettivà per bilanciare il tutto.

Per fare si che ciò avvenga, dobbiamo avere delle buone caviglie, una buona sensibilità nei piedi e una cervicale che funzioni al 100%, altrimenti il processo non avverrà in maniera corretta. Molte donne che aumentano notevolmente di peso, come ulteriore meccanismo di compensazione, adotteranno un passo più largo per sentirsi più stabili.

Tutti questi cambiamenti posturali possono tranquillamente risultare in mal di schiena, dolori di sciatica, blocchi ed impedimenti respiratori nella zona toracica, mal di testa, tensione eccessiva nelle spalle, crampi ai polpacci, dolori alle anche, fasciti plantari e via discorrendo.

Proprio per evitare questi problemi e tenere sotto controllo tutti i cambiamenti posturali del vostro corpo, i controlli periodici dal vostro chiropratico di fiducia dovrebbero essere all’ordine del giorno.

Un buon chiropratico, specialmente se specializzato in pediatria, potrà seguirvi durante l’arco di tutta la gravidanza, assicurandosi che tutto vada per il meglio e potrà controllare anche il vostro bimbo appena nato. Ricordate infatti che molti traumi alla colonna vertebrale avvengono proprio durante il parto. Inoltre è essenziale farsi controllare dopo il parto perché, per quanto sia una cosa del tutto naturale, il parto di per sé è tutt’altro che facile e con l’arrivo del nuovo nato la madre svilupperà altre problematiche legate questa volta all’allattamento, al continuo tenere in braccio il piccoletto e molto altro. Per quanto riguarda i cambiamenti fisiologici del corpo, i più comuni riguardano l’apparato sanguigno, cardiovascolare, respiratorio, renale e metabolico.

L’aumento di peso complessivo di una donna in gravidanza è più o meno contenuto tra i 9 e i 12 kg. Il seno aumenta generalmente di 2 taglie e il sangue aumenta di volume di circa il 45%. Il fabbisogno calorico aumenta di circa 300 kcal/giorno e il fabbisogno proteico incrementa di circa 75g/giorno. La voglia di urinare aumenta notevolmente di frequenza, la ritenzione idrica è frequente e l’essere costipati è un fattore abbastanza comune. Molte donne digeriscono molto peggio e ovviamente nausea e vomito sono comuni specialmente nei primi mesi.

Per cui se siete in “dolce attesa“ non esitate a prenotare immediatamente una visita dal chiropratico più vicino.

Scritto da Dr.ssa Coralie Pellissier, Ms.C., I.C.S.S.D.

Tutti gli articoli