Il problema delle nuove generazioni: cos’è e cosa fare

Mamma, mi fa male il collo! Mamma, mi fa male la schiena! Mamma, ho mal di testa! Quante volte avete sentito i vostri figli lamentarsi di questi problemi? Quante persone conoscete nella fascia d’età tra i 10 e i 30 anni che hanno questi problemi? La causa potrebbe essere all’interno delle loro tasche.

Gli smartphone e i tablets sono diventati una parte integrante della vita di molte persone. Ogni giorno guardiamo il telefono circa 150 volte. Oggi è difficile immaginare di vivere senza tutte le informazioni a portata di dito e la possibilità di interagire istantaneamente. Ciò nonostante, con tutti i vantaggi che ricaviamo dai dispositivi mobili, vi è il rischio di problemi di salute anche gravi.

Passiamo ore ed ore sui diversi tipi di dispositivi, trascurando la nostra postura, assorti nel chattare via Whatsapp, a controllare le email o a postare su Facebook.

Leggi tutto: Cervicale da telefonino

Col passare del tempo, i bambini possono sviluppare problemi alla colonna vertebrale proprio come gli adulti; ma, a differenza degli adulti, i più comuni problemi vertebrali nei bambini non causano dolore.

Spesso questi problemi vertebrali possono essere la causa di altre problematiche più comunemente associate ai bambini. E più spesso di quanto si pensi, purtroppo, il link tra colonna vertebrale e sintomo non avviene, lasciando così incurata la causa scatenante del problema. Questi problemi nascosti spesso sono la causa di degenerazioni precoci negli adulti e proprio per questo non smetterò mai di ribadire che la prevenzione infantile è fondamentale per una schiena sana futura.

La causa primaria dei problemi vertebrali nei bambini è la sublussazione spinale pediatrica. Per meglio capire questa sublussazione dobbiamo però esaminarne causa ed effetto e capire come si risolve.

Leggi tutto: Chiropratica per bimbi

Le donne stanno dando nascita dall'inizio del tempo, ma quei tempi sono ormai cambiati. Molte donne partoriscono senza aver assistito alle esperienze di parto della loro madri, zie, sorelle e membri della comunità. Ora stiamo vedendo che le donne hanno veramente bisogno di un sostegno supplementare per attraversare questa esperienza di trasformazione: sostegno che possiamo ottenere con l'aiuto di una doula.

Leggi tutto: Cosa ti aspetti dalla tua Doula?

La sindrome parkinsoniana è tra le patologie più diffuse in neurologia, ma non è sinonimo di morbo di Parkinson: i sintomi tipici sono il tremore, l’acinesia (povertà e lentezza di movimento) e l’ipertonia (rigidità), spesso difficile da diagnosticare in quanto l’insorgere della malattia è lento e insidioso e con segni clinici comuni ad altri stati patologici (tipo astenia, affaticamento, dolori diffusi, depressione). Mi è già capitato di ricevere in studio pazienti affetti dal morbo di Parkinson, qualcuno non ancora diagnosticato: in questo caso particolare, la paziente avanzava a piccoli passi e teneva il braccio destro flesso, l’espressione del viso cupa, la firma era una grafia piccola e lievemente disordinata, il tremore alla mano appena percettibile e lamentava lombalgia e podalgia (dolore al piede destro). Consultare il chiropratico le fu d’aiuto, non tanto per il tipo di prestazione che avrebbe ricevuto, quanto per scoprire l’origine dei suoi sintomi e capire che sarebbe stato necessario l’intervento di uno specialista in materia, un neurologo, la cui collaborazione apportò alla sofferente notevoli benefici.

Leggi tutto: Il morbo di parkinson e la sindrome parkinsoniana

Tutti gli articoli